skin adv

Merlim e Gui ribaltano i Paesi Bassi: Prato talismano, Max Italia di misura

 23/06/2021 Letto 591 volte

Categoria:    Nazionale
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    ITALIA





La Nazionale di futsal batte 3-2 i Paesi Bassi nella prima delle due amichevoli giocate al Palasport di Prato: un successo in rimonta, quello degli azzurri di Massimiliano Bellarte, due volte in svantaggio ma capaci di rimontare grazie ai gol di Alex Merlim e Gui, che hanno fatto seguito all’iniziale 1-1 di Gargantini. Domani alle 19.30 la seconda amichevole sempre contro la nazionale del paese che il prossimo anno ospiterà la fase finale dell’Europeo a cui l’Italia si è qualificata.
 
LA PARTITA Nell’Italia torna Mammarella tra i pali; a completare il quintetto ci sono Cesaroni, Murilo, Merlim e Gui. Dopo 1’41”, però, il portiere e capitano azzurro non può nulla sul destro chirurgico di Charraoui, che recupera palla a metà campo, si presenta solo davanti a Mammarella e lo batte. Rabbiosa la reazione dell’Italia, che si riversa nella metà campo olandese, peccando però di precisione. A metà primo tempo, occasione colossale per l’Italia: gran palla di Gui in mezzo per Esposito, che trova però il grande riflesso di Kuijk. Nel finale di prima frazione, Mammarella viene chiamato due volte in causa nel giro di pochi secondi da altrettante conclusioni dalla distanza: la prima di El Ghannouti (premiato a fine gara con una maglia celebrativa per la 150esima partita con la maglia della nazionale olandese), la seconda di Ceyar. A 2’24” dalla sirena, gli arbitri fischiano il sesto fallo all’Olanda: dal dischetto dei dieci metri va De Matos che però calcia troppo centralmente, favorendo la respinta di Kujik. Il gol del pareggio arriva comunque a 23 secondi dalla fine del primo tempo: lo segna Gargantini. In apertura di ripresa, così come era accaduto nel primo tempo, l’Italia subisce gol: stavolta, dopo 3’20”, è Mossaoui a ribadire in rete una respinta di Mammarella sulla conclusione di Charraoui. E anche nel secondo tempo, l’Italia dopo la rete incassata si getta alla ricerca del pareggio: lo sfiorano Arillo con un destro di poco a lato e De Matos con una conclusione potente dalla distanza. Ci prova anche Esposito ma, dopo una deviazione, trova le mani di Kujik. Alla fine il 2-2 arriva, con una giocata superlativa di Alex Merlim, che nasconde il pallone a due avversari e lo scarica di sinistro nella porta Oranje. Passano 63 secondi e l’Italia trova per la prima volta nel match il vantaggio con Gui: classico movimento da pivot, sinistro e palla di nuovo in porta. A 4′ dalla fine ci vuole uno straordinario intervento di Mammarella per impedire a Velseboer di pareggiare. Nel finale, l’Olanda non rischia il portiere di movimento, l’Italia tiene e porta a casa la vittoria.

ITALIA-OLANDA 3-2 (1-1 p.t.)
ITALIA: Mammarella, Stringari, Esposito, Cesaroni, Di Eugenio, Gargantini, De Matos, Murilo, Fantecele, Merlim, Gui, Molitierno, Arillo, Dudu. All. Massimiliano Bellarte
PAESI BASSI: Kujik, El Ghannouti, Ceyar, Bouzambou, Mossaoui, Makraou, Velseboer, Bouyouzan, De Wit, Martinus, Van den Eijnden, Attahiri, Bouzit, Charraoui. Allenatore: Max Tjaden
MARCATORI: 1’41" Charraoui (PB), 19’37" Gargantini (I), 24’10" Mossaoui (PB), 32’27” Merlim (I), 33’33” Gui (I)
ARBITRI: Dario Pezzuto, Chiara Perona; Crono: Giulio Colombin





Pubblicità