skin adv

Lido, solo i tre punti. Grassi: “Came? Nessuno ricorda le prestazioni, conta vincere”

 26/11/2021 Letto 326 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Antonio Iozzo
Società:    TODIS LIDO DI OSTIA





È tempo di reagire, è tempo di sbloccarsi. Il Lido non può più aspettare: ha bisogno di dare una sterzata alla propria stagione, ha bisogno di punti subito. A partire dalla sfida interna contro il Came, una gara chiave. Classifica alla mano, un vero e proprio scontro diretto per la salvezza.

“Un match importante, fondamentale, ma non si può parlare di ultima spiaggia, siamo ancora a novembre”, la sottolineatura di Maurizio Grassi, a caccia del primo successo in campionato. “Dobbiamo vincere, ma la strada è lunga, a prescindere. Alla fine siamo a 10 punti dai playoff e c’è tutto un girone di ritorno da disputare: perdere non vorrebbe dire retrocedere”. I tre punti, tuttavia, servirebbero come il pane al Lido, reduce dall’ennesimo k.o. di misura, 3-2 nel recupero con il Pesaro: “Ci siamo sempre dimostrati all’altezza degli avversari, la classifica non rispecchia quanto fatto vedere sul campo - continua l’allenatore -. Contro il Came giocheremo alla morte, ma non sarà semplice. Non saranno partiti benissimo quest’anno, ma parliamo di una squadra con un grande allenatore e, probabilmente, il pivot più forte della Serie A (Vieira, ndr)”.

I complimenti non bastano più: “Non posso essere soddisfatto perché giochiamo bene. Le prestazioni dopo un po’ non le ricorda nessuno, contano solo i risultati”, l’amarezza del tecnico, che non cerca alibi. “Non voglio neanche parlare di sfortuna, perché le responsabilità sono nostre. Penso ogni giorno a cosa fare per uscire da questa situazione, ma il problema, adesso, è che stiamo pagando errori individuali e non di squadra. Su quelli, purtroppo, non posso intervenire”.

Fin qui si è visto un Lido organizzato, determinato e propositivo, ma spesso poco lucido. Colpa anche dei tanti guai fisici: “Nelle ultime gare abbiamo rinunciato a Sanchez, con Gattarelli che sta giocando a mezzo servizio e Poletto che convive da tempo con un problema, anche se in campo spesso non lo fa vedere. E martedì si è fatto male pure Barra. Tutto questo costringe alcuni giocatori a un minutaggio altissimo, influendo poi sulle scelte e sulle giocate”. La situazione non cambierà più di tanto contro il Came: “Poletto e Gattarelli - conclude Grassi - dovranno ancora stringere i denti, speriamo almeno nel rientro di Sanchez. Daremo comunque battaglia”. Non sarà un Lido al 100%, ma sarà un Lido che venderà cara la pelle. Come sempre.


Antonio Iozzo




COPIA SNIPPET DI CODICE

Pubblicità