skin adv

Lido, un talento tra le mani. Recasens: “Il gol contro la L84 un momento speciale”

 14/01/2022 Letto 710 volte

Categoria:    Serie A
Autore:    Antonio Iozzo
Società:    TODIS LIDO DI OSTIA





La vittoria sul campo della L84 potrebbe rappresentare la tanto attesa svolta nella stagione del Lido. Di certo, resterà una serata speciale per Pau Recasens, che al Pala200 ha trovato il primo gol in Serie A, confermando il suo valore e, cosa ancora più importante, mostrando di essere già entrato alla perfezione negli schemi di Maurizio Grassi.

“Ho scelto il Lido fiducioso che fosse la sfida perfetta per me”, spiega il giovane spagnolo, arrivato a Roma da poco più di un mese. “Mi avevano parlato benissimo di questa società e il tempo sta corroborando tutto ciò che mi avevano detto”. L’impatto del laterale è stato subito importante: “Penso di essermi adattato bene alle esigenze del mister, per quello che riguarda il sistema di gioco, e anche ai miei compagni, che spero di aiutare il più possibile”. La rete realizzata nell’ultima sfida del 2021 il giusto premio per un ragazzo dal grande futuro: “Non ricordo benissimo il gol, ho solo visto il pallone entrare e poi Christopher (Cutrupi, ndr) che veniva ad abbracciarmi”, confessa il numero 9, ancora emozionato per il primo centro con la maglia del Lido. “Un momento speciale, spero sia il primo di tanti con questo club”.

Classe ’99, talento enorme, mentalità vincente: “Fin dal primo momento ho cercato di assorbire tutti i consigli, sia quelli dello staff tecnico che quelli dei compagni - continua l’ex Mantova -. Ogni allenamento mi sta permettendo di crescere e maturare sotto il profilo tecnico-tattico, ma anche fisicamente”. I margini di miglioramento restano notevoli: “Cosa mi manca? Devo essere più cattivo, deciso nei contrasti e nei duelli uno contro uno”. La strada, comunque, è quella giusta. L’ambiente anche: “Sono stato accolto benissimo. Quando sei giovane e arrivi in una squadra di Serie A, non è facile inserirsi subito, ma qui mi hanno reso la vita molto più semplice: il Lido è una famiglia”, sottolinea Pau, che poi dedica un pensiero particolare a Sanchez e Navarro: “David e Maxi mi hanno aiutato più di tutti per la questione della lingua, non potrei essere più soddisfatto di così”.

Chi ben comincia è a metà dell’opera. Ma il percorso resta pieno di insidie, specialmente per il Lido, costretto a risalire la china dopo un avvio di campionato molto stentato: “Nel 2022 la priorità sarà centrare la salvezza - conclude Recasens -. Siamo uniti e compatti per raggiungere questo obiettivo, e io spero di dare il mio contributo”. Come contro la L84. Il talento, d’altronde, non manca. 


Antonio Iozzo





Pubblicità