skin adv

Eur Torrino, tre giovani alla riscossa: “Dimostriamo il nostro valore”

 29/11/2018 Letto 118 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    EUR TORRINO





Alla vigilia della sesta giornata di campionato, in programma venerdì al TSC contro la Fiorida Portuese, i tre ragazzi dell’Eur Torrino hanno fatto il punto della situazione: l’inizio di stagione, gli obiettivi personali, di squadra e non solo.

SICILIANO – Arrivato da poco, ma già inserito nelle dinamiche di squadra, Giuseppe Siciliano, classe 1996, si è soffermato sulle motivazioni che lo hanno spinto ad accettare la proposta dell’Eur Torrino, e a passare dal calcio a 11 al futsal. “Il progetto mi ha entusiasmato fin dal primo momento, e le ambizioni della società mi hanno convinto ad accettare questa proposta. Sono arrivato da poco, ma il lavoro svolto dai miei compagni, dagli allenatori e dai dirigenti, hanno fatto sì che mi inserissi subito nella loro mentalità. Per me che ho esperienze nel calcio a 11 – prosegue Siciliano – questo è stato un approccio totalmente nuovo, ma non ho notato grande difficoltà, in quanto il lavoro svolto in precedenza è stato notevole. Di obiettivi personali me ne sono prefissati sempre molto pochi, nel senso che il mio obiettivo principale è quello di aiutare la squadra e di dare una mano concreta per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, ovvero quello di arrivare più in alto possibile in classifica, possibilmente nei play-off, per poi provare a giocarci successivamente la possibilità di salire di categoria. Questa società – conclude Siciliano - mi ha dimostrato fin dai primi istanti di voler e poter stare in categorie superiori: il mio contributo spero vada in quella direzione”.

FRONGIA – Federico Frongia è un classe ’97, e ha militato per molti anni nelle giovanili del Torrino, vincendo titoli regionali e sfiorando lo scudetto a livello nazionale: oggi è tornato a calcare i campi del TSC. “Abbiamo iniziato bene il campionato, non era facile vista l’età media molto bassa della squadra e la categoria che stiamo affrontando: in qualche occasione abbiamo peccato d’esperienza, ma ci servirà da lezione per il futuro. Siamo concentrati sulle prossime partite, gli avversari proveranno a metterci in difficoltà con la fisicità e l’esperienza che forse ancora ci manca, ma noi punteremo sulla qualità del gioco, come da storia e tradizione del Torrino”. “Per quanto mi riguarda - prosegue Frongia -, gli obiettivi personali e di squadra coincidono, nel senso che cercherò di dare il meglio in ogni partita: verso marzo tireremo le somme e, guardando la classifica, capiremo dove possiamo arrivare”. 

DE ROSSI – 20 anni, e tanta voglia di dimostrare il proprio valore, David De Rossi è ottimista riguardo al futuro. “Questo avvio di stagione non è stato uno dei migliori, giochiamo in un campionato concentrato più sull’aggressività agonistica che sulla tecnica, che è l’arma che ci caratterizza di più. Stiamo però crescendo di partita in partita, sia come risultati sul campo che come gruppo, e le cose potranno solo che migliorare. Per una squadra così giovane come la nostra – continua De Rossi - il lavoro dei due mister, Daniele Caiazzo e Alessandro Conti, è fondamentale, soprattutto nell’indirizzarci a quella maturità e quell’esperienza che ci manca. L’obiettivo mio personale è quello di riuscire una volta per tutte a dimostrare il mio potenziale e a metterlo a disposizione della squadra. Dobbiamo affrontare partita per partita, e rimanere sempre con i piedi per terra”.


Ufficio Stampa Eur Torrino Futsal