skin adv

Sgreccia, si è chiuso il girone A: tutti i verdetti e le squadre qualificate

 26/06/2019 Letto 345 volte

Categoria:    Tornei
Autore:    Alessandro Pau
Società:    SGRECCIA





Ieri al Circolo Sportivo Stella Azzurra è andato in scena il quinto ed ultimo turno del Girone A Open del Memorial Luigi Sgreccia edizione 2019. Il quadro delle squadre che hanno strappato il pass per i quarti di finale del torneo è ormai completo. Grande dominatrice del raggruppamento è la squadra di Boffa, Gli Sfizi dell’Imperatore, che chiude questa prima fase con 5 vittorie in altrettante partite, col miglior attacco grazie alle 32 reti messe a segno ed anche la miglior difesa, avendo solamente 9 gol al passivo. Uno score invidiabile, che fa del team inevitabilmente una delle maggiori favorite per la vittoria finale. Al secondo posto troviamo l’Aprilia, che con i suoi 10 punti riesce a mettersi davanti addirittura al Foodball, terzo con 9 punti, ma da tre anni consecutivi campione in carica del torneo: decisiva la vittoria per 9-4 ottenuta dai pontini alla quarta giornata nello scontro diretto. Chiude il quadro delle qualificate ai quarti di finale l’Akira Ramen Bar grazie ai 7 punti raccolti: due sconfitte con Gli Sfizi e con il Foodball, un pareggio con l’Aprilia e due vittorie con le due squadre che hanno già dovuto dire addio alla competizione, vale a dire Epiro e Tormarancia. Queste ultime, infatti, grazie ad un solo punto ottenuto nello scontro diretto, chiudono lo schieramento rispettivamente in quinta e sesta posizione, condividendo anche il primato di peggior difesa (25 reti subite). A livello individuale è Sandro Armenia (Aprilia) a prendersi lo scettro di capocannoniere del Girone A, grazie alle 7 reti messe a segno. Lo seguono a ruota Barra (GSDI) e Cerchiari (Foodball), autori di 6 marcature ciascuno, e Chilelli (GSDI), Hamazawa (Akira), Ugherani (Foodball) e Pezzin (Aprilia) a quota 5. Non resta che aspettare i risultati dell’ultima giornata del Girone B, in programma venerdì 28 giugno, per potersi poi tuffare nella fase ad eliminazione diretta.


Alessandro Pau





Pubblicità