skin adv

TCL Move Up, Papa ispira ma non basta: ancora pari col San Raimondo

 06/04/2019 Letto 359 volte

Categoria:    Serie D
Autore:    Ufficio Stampa
Società:    TCL MOVE UP





Tra arancioneri e San Raimondo il filo rosso è il pareggio: prima i padroni di casa e poi gli uomini di Bartoli recitano il ruolo della lepre, ma vengono costantemente raggiunti dai rivali. Dopo il ricordo per le vittime del terremoto che ha colpito L’Aquila 10 anni fa, è il secondo pari tra le due compagini. Papa e Cellanetti, intanto, segnano il 15° gol.

LA GARA – Un equilibrio che perdura dal girone di andata. Le sfide con l’Atletico San Raimondo si contraddistinguono per l’annullarsi totale dei valori in campo e la partita di ieri lo dimostra alla perfezione: pari nel parziale, pari nel finale. A via del Casale Ferranti, dopo il minuto di raccoglimento dedicato alle vittime del terremoto della città di L’Aquila (il cui decimo anniversario ricorre oggi) a recitare il ruolo del padrone è l’umidità, fattore che rende la serata fredda per gli spettatori e scivolosa per i giocatori. Scivolosa soprattutto per gli arancioneri, colpiti a freddo dopo un minuto con la prima marcatura dei padroni di casa; Rubini riporta la TCL Move Up sul pari dopo 3’, poi è capitan Papa a riequilibrare il match con una bellissima conclusione da calcio di punizione centrale al 16’ (dieci giri d’orologio esatti dal 2-1 del San Raimondo). All’intervallo quindi la situazione tra gli arancioneri e il club di casa in zona Anagnina permane in una situazione di parità. Il secondo tempo si apre nelle stesse modalità con le quali si era chiuso il primo, con la sola differenza che l’Atletico prova a prendere il largo: nel giro di 6’ segna due reti, portando il risultato sul 4-2 e rendendo la vita difficile a Bartoli e compagni. Ma la TCL non si disunisce e cerca di riagguantare immediatamente il pareggio. Lo trova grazie a Cellanetti e Cavinato, il primo, dopo aver sciupato una ghiottissima occasione nella prima frazione, riduce lo svantaggio (11’) e il secondo al 24’, vestendo i panni del portiere di movimento, trova l’angolino giusto sul secondo palo da posizione molto defilata. In questo momento di rinnovato ardore emotivo sono gli arancioneri che provano a fare la lepre per la prima volta nel match: Papa, con la specialità della casa, porta i suoi sul 5-4, calciando benissimo una punizione dalla destra che vale la sua doppietta (28’). Sembra tardi per altre marcature ma così non è: un guizzo dei padroni di casa chiude la gara con un pareggio, il secondo dopo il 4-4 di tre mesi fa. Bartoli e i suoi si portano a 27 punti in classifica, alla vigilia dell’ultimo appuntamento casalingo; la Real Legio è in piena corsa per l’accesso ai playoff, sarà quindi un avversario durissimo da affrontare il 12 aprile al Roma 3Z.


Ufficio Stampa TCL Move Up





Pubblicità